Hotel Duca della Corgna

Castiglione del Lago

Racchiuso fra le antiche mura che terminano verso il lago con la possente struttura della fortezza medievale, Castiglione del Lago nel 1500 passò da avamposto militare e paese di pescatori a Stato rinascimentale, grazie all’edificazione del Palazzo, divenuto in seguito Ducale, con tutte le costruzioni e gli abbellimenti annessi che una corte dell’epoca richiedeva. Dopo gli Etruschi ed i Romani, il paese fu conteso per secoli fra Arezzo e Perugia, finché questa se ne impossessò definitivamente alla fine del 1100. Nel XIII° sec. paese e castello furono completamente ricostruiti per ordine di Federico II, pervenendo ai nostri giorni con poche variazioni. Nella metà del ‘500 il territorio fu concesso alla famiglia della Corgna, ed elevato a marchesato nel 1563. All’inizio del 1900 fu costruito un aeroporto militare la cui area è oggi all’interno del Parco del Trasimeno. L'aeroporto, tutt'ora funzionamente per aeronautica da diporto, è utilizzato per varie manifestazioni, come il Meeting di Primavera per ultraleggeri, Coloriamo i Cieli per aquiloni e mongolfiere, equitazione.

Palazzo Corgna

Il Palazzo Ducale, oggi Museo, fu eretto nella seconda metà del 1500 in seguito alla concessione dello Stato di Castiglione da parte di papa Giulio III alla famiglia della Corgna, il cui maggiore rappresentante in quel momento era il nipote Ascanio I. Questi, generale di vari eserciti, stratega ed architetto militare, ne curò il progetto e la costruzione, ma furono i suoi eredi a terminarlo, completando il grande ciclo degli affreschi e dedicando alle sue gesta la sala più importante: la sala “Delle Gesta di Ascanio”. Fu concepito come una piccola reggia e vi furono successivamente inseriti numerosi e ricchi giardini. E’ collegato alla fortezza tramite un suggestivo camminamento coperto ricavato ai primi del 1600 lungo le mura esterne. Gli affreschi del Piano Nobile, furono eseguiti quasi interamente da Niccolò Circignani detto "Il Pomarancio".

La Fortezza

Il Castello del Leone, da cui deriva il nome del paese, fu innalzato per volontà di Federico II a partire dal 1247, e successivamente sempre migliorato fino a renderlo del tutto inespugnabile. E’ a forma di pentagono irregolare con quattro torri agli angoli ed il Mastio triangolare di 30 metri di altezza. Dai suoi spalti e dalle sue torri si gode uno dei più bei panorami di tutto il Trasimeno. Il suo interno è attualmente adibito ad anfiteatro naturale per spettacoli e rappresentazioni.